Post in evidenza

Bacodaseta: perché il mio blog si chiama così?

Bacodaseta non è un nick o un alias, è il significato del mio cognome. Esiste un paesino sperduto sui colli bergamaschi, piccolo talme...

mercoledì 28 settembre 2016

Barrette ai cereali, semi e frutta secca fatte in casa

È arrivato settembre e nemmeno ce ne siamo resi conto. Il tempo fluisce inesorabile portandosi via le vacanze, il sole, il bel tempo, per regalarci le prime piogge autunnali, le escursioni termiche tra giorno e notte e una natura che si tinge di arancio, giallo, beige e marrone.
Insieme a questo incalzano nuovi ritmi,  dettati e strutturati dai nostri impegni: scuola, lavoro, attività dei nostri figli. Poco tempo allora per mangiare, poco tempo per cucinare, e.. via di corsa!

La mattina fuori casa è lunga, verso le 10,30/11 la macchinetta dell'ufficio o della scuola, con merendine e snack pronti, ci fa l'occhiolino? Il bar più vicino ammicca, con i suoi inesorabili panini appetitosi e inappropriate calorie che spesso, di nutriente hanno ben poco?
Per bambini e i ragazzi il discorso cambia ben poco e non sappiamo più cosa mettere nello zaino per non riempirli di schifezze?

Ecco allora le meravigliose barrette ai cereali, frutta secca e semi, che saziano, nutrono e danno energia!

Le barrette sono quanto di più variato, veloce, soddisfacente e facile da preparare: basta avere a portata di mano un mixer o frullatore ( bimby incluso).



Rilassiamoci con un po' di musica mentre prepariamo.









Cosa dovete avere in dispensa?


Per preparare delle sfiziosissime barrette dovete avere cereali, frutta secca ( mandorle, nocciole,noci, ecc), succo di limone, acqua, frutta disidratata ( bacche di goji, prugne, albicocche,mele,datteri, ecc.) , cioccolato fondente o altro cioccolato di vostro gradimento ( ma io consiglio il fondente, più sano, che poi mescolandosi agli altri ingredienti perderà il gusto amarognolo, ma manterrà i suoi pregi), semi ( girasole, papavero, sesamo,canapa, ecc.)

Chi non tollera il glutine eviterà chiaramente cereali che lo contengano, optando per amaranto, miglio e quinoa che potrà tranquillamente trovare già soffiati in molti supermercati.

Per quanto riguarda lo zucchero, io non lo metto, di solito la frutta disidratata è sufficientemente dolce, ma se non lo fosse abbastanza per voi, mettete un cucchiaio di mascobado o dulcita ( zucchero di canna) oppure un cucchiaio di un qualsiasi malto ( renderà l'impasto più appiccicoso).























Il consiglio che vi do è anche quello di provare varie combinazioni, sia per scoprire nuovi abbinamenti e sapori, sia per evitare di mangiare sempre le stesse cose, più i nutrienti variano e più siamo sicuri che sotto il profilo vitaminico  e nutrizionale non ci mancherà nulla!  



Ricetta a freddo:


Ingredienti per 15 barrette circa:
1 cucchiaio di semi di papavero
1 cucchiaio di semi di lino
4 cucchiai di mandorle
4 cucchiai di fiocchi di avena
6 prugne secche
2 cucchiai di polvere di acai ( trovata al supermercato)
mezzo limone spremuto ( facoltativo)
acqua q.b.


Mixare al massimo della potenza senza arrivare a surriscaldare i semi e le mandorle con il cereale.
Aggiungere la frutta morbida ( prugne), la polvere di acai e mixare, aggiungere il succo di limone e qualche cucchiaio d'acqua quanto basta ad ottenere una pasta appiccicosa.
Stendere l'impasto su carta forno in una teglia bassa.

Mettere in frigo per qualche ora.
Tagliare le barrette. 
Mettere in un contenitore in frigo per conservarle, prenderle prima di uscire di casa, resistere a non mangiarle prima della pausa! 


Ricetta a caldo:

70 gr. di avena in fiocchi
(ma può essere miglio riso soffiato o altro per chi è celiaco)
70 gr. di semi di girasole
30 gr. di anacardi

Sminuzzare nel mixer
poi aggiungere:

35 gr. di semi di sesamo
50 gr. di mirtilli
7 albicocche essiccate
30 gr. di germe di grano( vietato ai celiaci)
3 cucchiai d'acqua ( valutare al momento, giusto per amalgamare bene)

Sminuzzare e amalgamare fino ad ottenere un impasto appiccicoso.



Stendere con lo spessore di 2 cm in una teglia su carta forno
Passare in forno tiepido a 50 gradi o poco più per una mezz'ora. Lasciar raffreddare e tagliare le barrette: tutte uguali mi raccomando non come ho fatto io!



Ricetta come quella sopra a caldo, stesso procedimento ma con ingredienti diversi per una decina di barrette:
50 gr. di miglio soffiato                                              
50 gr. di mandorle
    30 gr. di semi di papavero
Sminuzzare bene.
6 datteri essiccati
1 cucchiaino di curcuma
acqua qualche cucchiaio per amalgamare


amalgamare bene, procedere come la ricetta sopra.

Fatemi sapere come le trovate e soprattutto come vi sentite dopo averle gustate per qualche giorno!







Sii gentile

di Charles Bukowski

Ci viene sempre chiesto
di comprendere l'altrui
punto di vista,
non importa quanto sia
antiquato
stupido o
disgustoso.

Uno dovrebbe
guardare
agli errori degli altri
e alle loro vite sprecate
con
gentilezza,
specialmente se si tratta di
anziani.

Ma l'età è la somma
delle nostre azioni.
Sono invecchiati
malamente
perché hanno
vissuto
senza mettere mai a fuoco,
hanno rifiutato di
vedere.

Non è colpa loro?
Di chi è la colpa?
Mia?

A me si chiede di mascherare
il mio punto di vista
agli altri
per paura della loro
paura.

L'età non è un crimine
ma l'infamia
di un'esistenza
deliberatamente
sprecata
in mezzo a tante
esistenze
deliberatamente
sprecate lo è.





Regali per ogni occasione

E arrivato il momento di pensare ai regali, regali per ogni occasione, come dice il titolo del post. 
Ovvero il "pensiero" per persone speciali (come dice una mia cara amica tutti siamo speciali ) a cui vogliamo senz'altro far sentire le nostre carezze affettive, il nostro amore, senza per forza aspettare l'occasione giusta, perché "l'occasione giusta" la possiamo creare noi, in ogni momento.

E allora approfittiamo di offerte limitate al supermercato, quando troviamo una cosa che è stata utile, che sia una spugnetta levatrucco, una confezione monodose di crema o maschera per il viso, che sia un sale particolare da usare come peeling corpo, o qualcosa preparato da voi stessi, ben vengano biscotti (https://bacodaseta2012.blogspot.it/2016/12/biscotti-salati-di-natale.html)(http://bacodaseta2012.blogspot.it/search/label/Marmellata%20insolitatorte ( anche solo una fetta di torta da portare ad un'amica per risollevarle il morale, ben confezionata, può fare miracoli) muffin(http://bacodaseta2012.blogspot.it/2015/12/muffin-ai-frutti-di-bosco-e-cioccolato.html), e non ultimi i vasetti di marmellata(http://bacodaseta2012.blogspot.it/2012/07/marmellata-di-pere-sedano-e-zenzero.html che potete cominciare a preparare già ora per Natale, per i compleanni, per mille occasioni decise e create dal vostro buon cuore!

Avete suggerimenti e idee per i prossimi mesi?
Per i prossimi eventi?

Postateli qui sotto, sì postate nei commenti il regalo o i regali che più vi ha dato soddisfazione ricevere, quelli che avete fatto e che con grande sorpresa sono stati veramente graditi.
In questo modo potremo scambiarci idee sempre nuove e condividere l'esperienza gioiosa del "dare".







marmellate pronte da regalare

mercoledì 14 settembre 2016

Frico friulano ( torta di patate e formaggio)






Che cos'é il frico? É un tipico piatto friulano che mia madre e mia nonna preparavano quando la famiglia era tutta riunita.
Facile e gustoso, piace a tutti, grandi e piccini. 
Accostatelo a un'insalata fredda o a verdure e non avrete bisogno di preparare altro.

Ingredienti per 4 persone:
7 patate di media grandezza
350 gr. di  formaggio latteria 

Il formaggio tradizionale è il " latteria" ma potete usare un Asiago o un altro formaggio che fonda senza fare acqua ( non va bene la mozzarella).

Preparazione:
Grattugiate le patate e il formaggio con una grattugia a buchi grossi. 
Prendete una padella antiaderente e oliatela leggermente. 
A fiamma bassa fate cuocere le patate che metterete tutte in una volta, coprite per alcuni minuti e state attenti che non attacchino. 
Piano piano le vedrete abbassare e quando cominceranno a compattarsi le une con le altre, mettete al centro il formaggio, cercando con una paletta di coprire con le patate il formaggio togliendole dai bordi. Più le patate cuociono e più il formaggio fonde, dovete dare al composto una forma rotonda e quando vedrete che comincerà a prendere colore sotto e a staccarsi come se fosse una focaccia giratela con l'aiuto di un coperchio o di un piatto. 

Lasciate cuocere a fuoco medio ancora fino a che non si forma una bella crosticina anche sotto. 
A questo punto il frico è pronto e potete disporlo su un bel piatto e tagliarlo a fette. Va gustato caldo.











Ed ora come sempre una poesia stupenda!